eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Storia di Acquaformosa

Stemma di Acquaformosa

Borgo ArbëreshëParco Nazionale del Pollino

Monumenti di Acquaformosa

Origine del Nome Acquaformosa

Una leggenda narra che la principessa Irene Castriota, figlia dell'eroe Giorgio Castriota Scanderbeg, soggiornasse presso l'abbazia di Acquaformosa; una volta, bevendo l'acqua della Badia esclamò: "Che acqua formosa!", da allora  la denominazione del borgo cambiò da Ariosa in Acquaformosa.

Storia di Acquaformosa

Le origini storiche di Acquaformosa risalgono al 1195, quando per volere dei signori di Altomonte, venne fondata l'Abbazia di Santa Maria di San Leucio dai monaci cistercensi di Santa Maria della Sambucina di Luzzi.

Le origini della comunità risalgono al XIII secolo, sorta proprio intorno al convento di Santa Maria di San Leucio; ma un incremento demografico si ebbe con l’arrivo dei coloni Arbëreshë provenienti dalla penisola Balcanica tra il 1476 e il 1478, che si stanziarono nell’attuale territorio.

Recenti studi hanno avanzato l'ipotesi che i primi abitanti di Acquaformosa provenissero dalla regione greca della Beozia, e precisamente da Caparelli di Tebe.

Acquaformosa fece parte dello Stato dei Principi di Bisignano, che cedettero alcune prerogative sul casale in favore di Ottavio Papaleo di San Pietro in Galatina nel 1564.

Il borgo fu casale di Altomonte fino agli inizi del XIX secolo, quando divenne comune autonomo a seguito delle leggi francesi.

Solo nel 1848, dopo innumerevoli dispute legali, il territorio di Acquaformosa assunse la confermazione attuale. 


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153