eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Storia di Belsito

Stemma di Belsito

Belsito (CS)

Il primo nucleo di Belsito pare sia sorto a seguito delle scorrerie saracene che spinsero gli abitanti della costa e di Cosenza, a lasciare i borghi di origine, ormai poco sicuri, e a rifugiarsi nell’entroterra.

Il periodo della fondazione coincide con la conquista di Amantea da parte delle truppe arabe e alla relativa espansione lungo la costa.

Originariamente il primo nucleo di Belsito era denominato Crapasito, termiche che secondo alcuni deriverebbe dall'ebraico Kapar-Ha-Sseeth (villaggio eminente), secondo altri da Cupressetum (bosco di cipressi).

Nel 1321 fu infeudato insieme al casale di Malito a Goffredo di Raone.

Nel 1535 passò per Belsito Carlo V d’Asburgo re di Spagna e imperatore del Sacro Romano Impero, di ritorno dalla conquista di Tunisi, in visita nei possedimenti del Regno di Napoli. Il re, nel vedere il luogo, erroneamente informato che si chiamasse Caprisito in quanto luogo delle capre, gli cambiò nome in Belsito per la bellezza del territorio.

Dal 1644 al 1647 venne infeudato al Granducato di Toscana.

L'ordinamento amministrativo disposto dal Generale Championnet pose Belsito nel Cantone di Belmonte, nel 1806 la legislazione francese ne fece luogo del Governo di Carpanzano e nel 1811 villaggio di Marzi.

Con la restaurazione dei Borbone sul trono di Napoli, ne fu riconosciuta l’autonomia amministrativa.

Con la legge sulla soppressione dei comuni sotto i 3000 abitanti, fu aggregato al comune di Malito nel 1928, per ritornare ad essere un comune autonomo nel 1937.


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153