eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Castello della Valle di Fiumefreddo Bruzio

Castello della Valle di Fiumefreddo Bruzio

Il Castello di Fiumefreddo Bruzio è situato a picco su di uno sperone roccioso, sul versante sud-est del borgo tirrenico.

E’ denominato Castello della Valle e fu eretto nel 1190 da Simone de Mamistra, su di un’area impervia e quasi inespugnabile, partendo da una preesistente torre normannalongobarda.

A partire dal 1279 fu di proprietà di Giovanni Alliata, dal 1291 di Guglielmo Sclavello e dal 1337 di Pietro Salvacossa conte di Belmonte. Dal 1405 fu di Pier Paolo da Viterbo, maresciallo del regno, e dal 1443 di Battista Caracciolo conte di Gerace.

Nel 1457 Ferdinando d'Aragona duca di Calabria, concesse il feudo di Fiumefredddo a Luca Sanseverino e con esso il castello.

Nel 1535 Carlo V diede il feudo a Fernando De Alarcon, viceré di Calabria e marchese della Valle, e da questi il castello prese la denominazione Castello della Valle.

Il Castello venne rimaneggiato ed abbellito nel 1536, secondo i canoni estetici dell'epoca; furono costruite le mura di cinta del paese e due torri denominate Golette. 

Attualmente si presenta allo stato di rudere, anche se mostra perfettamente l’imponenza avuta in passato; annovera al suo interno degli affreschi realizzati dal maestro Salvatore Fiume nel 1996.

Era stato eretto su uno zoccolo di roccia viva, tutt’ora ben visibile, e vi si accedeva per mezzo ponte levatoio.

Fu utilizzato come residenza fino al 12 febbraio 1807, quando fu bombardato e distrutto dalle truppe francesi del colonnello Berthelot, durante la rivoluzione napoletana anti francese, poiché al suo interno si erano rifugiati degli insorti.

La proprietà del castello è attualmente del Comune di Fiumefreddo Bruzio.

contentmap_plugin