eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Costume Tradizionale di Firmo

Stemma Comunale di FirmoBorgo ArbëreshëCittà dell'Olio

Firmo

Costume di Firmo

Il Costume di Firmo come nelle altre comunità Arbëreshë si divide in abito della festa detto anche della sposa, abito di mezza festa e abito giornaliero, a questi si aggiungeva quello del lutto in caso di perdita di un congiunto. 

L’abito di gala ha avuto una sua funzione completa fino agli anni cinquanta circa, e la sposa lo portava in dote. 

Descrizione Abito della Sposa di Firmo

  • «Linja»: è di lino tessuto al telaio o di cotone, lunga fino ai piedi, aperta nel petto dove va apposto il merletto e le maniche larghe con un breve polsino alle ascelle si faceva una aggiunta di stoffa per permettere la migliore agibilità nei movimenti, così venivano aggiunte die triangoli di stoffa per allargarla al fondo.
  • «Milleti»: è una larga bordura di tulle ricamato a firellini rami, foglie, motivi geometrici, ed altri motivi, alcuni confezionati anche ad uncinetto ed abilmente arricchiati in modo che con la stiratura ad amido possano essere raccolti in minute piegoline. Si cuce sulla linja, al bordo della scollatura. 
  • «Sutavestat»: sottovesti, sono più di una, in batista ricamate con un bordo smerlato o in Sangallo, hanno una balza sul fondo per far stare più disteso il fondo e mettere un evidenza la gala d’oro della kamizolla.
  • «Petini»: rettangolo di stoffa fine, lino finemente ricamato che si inseriva nell’apertura della camicia per coprire il seno
  • «Kamizolla»: gonna: plissettata lunga fino ai piedi di stoffa laminata o di raso, il colore va dal cremisi al ciclamino al rosso, sul fondo porta una banda di gala d’argento
  • «Coha»: gonna plissettata lunga fino ai piedi di stoffa laminata o di raso, dal colore azzurro intenso, con larga gala di oro sul fondo
  • «Xhipuni»: il giubbetto è di stoffa laminata o di raso, azzurro intenso, porta un bordo continuo di gala d’oro sul bordo e sui polsi sulle spalle tre bande fella stessa gala, le maniche sono interamente ricamate a minuti motivi floreali e geometrici in filo d’oro e arricchiti di strass.
  • «Keza»: era un accessorio tipico della mise nuziale e poi delle donne sposate è un accessorio rigido che va a coprire lo chignon fatto di seta trapuntata e guarnito di oro;
  • «Kallucjetë»: jan bën me dur me kater hekur me penj «pellikan» (la marca) të holl
  • «Këpucëtë»: le scarpe sono di tessuto laminato dello stesso azzurro del giubbetto
  • «Pani»: il panno uno scialle di raso o di seta cruda mano bordata di alta gala in oro
  • «Petënaturi»: acconciatura di fiori di pizzo con il velo che la sposa posava sui capelli
  • «velli i bardh»: Il velo bianco sottile intessuto in oro per il matrimonio di pizzo un po più pesante con smerlo in oro per la prima messa domenicale a 8 giorni dalle nozze.

Il costume di «mezza festa» prevedeva la Kamizolla di seta, la linja con milleti meno pregiato e giubbetto di raso nero.

Il costume giornaliero era caratterizzato dalla Kamizolla di cotone o lana, con la «fascetta» di raso verde, il giubbetto di panno o seta nera, ornato di bianco.

Il costume di lutto ha la solita kamizolla rossa ma la coha di lana verde e il giubbetto sono di lana verde

Il costume per le ragazze da marito è costituito dalla sottogonna pieghettata, rosa o celeste, sopragonna marrone e camicetta a vari colori, spesso era blu a fiorellini bianchi


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153