eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Pascaletti Giuseppe

Giuseppe PascalettiGiuseppe Pascaletti, al secolo Giuseppe Mattia Pasqualetti, nacque a Fiumefreddo Bruzio il 24 febbraio 1699 da una nobile famiglie del luogo, primo di dieci figli.

E’ stato uno dei massimi artisti del ‘700 cosentino, eseguendo magnifici ritratti in stile barocco e rococò, presso l’aristocrazia romana e le chiese cosentine.

Dei suoi primi anni di vita si conosce ben poco, alcuni riferimenti sono stati tramandati da Giuseppe Vercilio e Nicola Zumpano.

Si sa che fu sotto la protezione della marchesa Lucrezia Ruffo Della Valle, che gli permise coltivare il suo talento, inviandolo prima a bottega da Francesco Solimena a Napoli; poi lo fece trasferire a Roma attorno al 1727, dove dimorò per oltre un ventennio.

Nella città pontificia, fu membro dell’Accademia dei Virtuosi del Pantheon e frequentò diverse personalità di spicco tra cui Sebastiano Conca, massimo esponente della cultura meridionale a Roma, che tenne “scuola” a Palazzo Farnese.

Ritornato in Calabria, ebbe modo di eseguire molte opere in varie chiese del territorio, lavorando a: Falconara Albanese, Fuscaldo, Mendicino, RendeSan Lucido e la sua natia Fiumefreddo Bruzio.

Il 15 ottobre 1747, sposò a Fiumefreddo Teresa de Ponzo, figlia di Agnese Santanna e del barone Carmelo de Ponzo; dalla loro unione nacquero cinque figli: Angela Maria, Angela Emanuela Giustina Giacinta, Emilio Luigi Domenico Rocco Casimiro, Antonio Maria e Domenico.

Morì il 30 agosto 1757 e che fu sepolto nella chiesa di San Francesco di Paola, presso la cappella del Carmelo.


Pubblicità su calabriaportal.com


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153