eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

San Francesco di Paola

Santo Patrono della Calabria e della Gente di Mare

San Francesco di PaolaSan Francesco di Paola, nacque a Paola il 27 marzo 1416 da Pietro D’Alessio detto Martolilla e Vienna da Fuscaldo, una famiglia molto devota a San Francesco D’Assisi.

La coppia essendo in età avanzata, fece voto al santo di Assisi per avere un figlio, e una volta nato ritennero l’evento un suo prodigio e lo chiamarono Francesco.

Tra il 1429 ed il 1430 fu accompagnato dai genitori presso il convento “Della Riforma” di San Marco Argentano, per sciogliere il voto fatto e per compiere il primo anno di famulato.

Dopo l’esperienza a San Marco si recò ad Assisi, toccando Montecassino, Roma, Loreto e visitando i romitori di Monte Luco.

Nel 1435 a diciannove anni si ritirò a vita eremitica nel luogo in cui ora sorge il santuario di Paola a lui dedicato; ma ben presto iniziarono ad affluire al suo eremo molte persone, chiedendo di porsi sotto la sua guida spirituale.

Con l’aggregazione dei primi compagni, iniziò la costruzione delle prima chiesa di piccole dimensioni e del convento annesso, e da questi primi seguaci nacque la Congregazione Eremitica Paolana.

Il movimento eremitico fondato da San Francesco fu approvato a livello diocesano il 23 novembre 1471, dall’Arcivescovo di Cosenza Pirro Caracciolo, e dopo l’invio della supplica dello stesso Caracciolo a Pio IV, furono approvati dalla chiesa di Roma il 17 maggio 1474, con bolla Sedes Apostolica, con la denominazione “Congregazione Eremitica di San Francesco”.

Dopo il riconoscimento papale, la congregazione iniziò a diffondersi in tutto il Regno di Napoli, e dopo aver fondato l’eremo di Paterno Calabro nel 1472 (precedente al riconoscimento come quello di Paola), furono edificati altri eremi anche a Spezzano Grande nel 1474, Corigliano Calabro nel 1476, e Milazzo nel 1480.

La sua fama giunse in ogni angolo della cristianità, e così nel 1483 su ordine del Papa, dopo la richiesta di Luigi XI re di Francia, gravemente malato, lasciò la Calabria alla volta del paese transalpino.

Il re di Francia non guarì, ma fu ugualmente colpito dal frate calabrese, così come la stessa comunità francese, e molti monaci di altri ordini si unirono a San Francesco, tra questi Bernardo Boyl priore degli eremiti del monastero di Monserrant in Spagna, e Francesco Binet priore di Mormoutier in Francia.

Il 26 febbraio 1493, papa Alessandro VI, con la Bolla Meritis Religiose Vite, approvò la regola dei frati eremiti dell’Ordine dei Minimi di frate Francesco di Paola.

Morì nel convento di Tours il 2 aprile 1507, dopo aver designato come suo successore padre Bernardino Otranto di Cropalati.

Fu beatificato il 7 luglio 1513 e canonizzato come santo della chiesa cattolica il primo maggio 1519.

Nel 1562 per ritorsione contro la predicazione dei suoi seguaci, i calvinisti riesumarono la salma (ritrovata intatta) e gli diedero fuoco; furono recuperate solo le ossa.

Fu dichiarato Santo Patrono delle Gente di Mare da papa Pio XII nel 1943, e Patrono della Calabria da Giovanni XXIII nel 1963.

Nel corso della storia è stato santo patrono dei regni di: Delle Due Sicilie, Francia, Boemia e Spagna.

Molti sono i suoi miracoli narrati, eseguiti sia in vita che dopo la morte; oggi, è il santo più venerato della Calabria e a lui sono dedicate centinaia di chiese, monumenti e santuari (Paola, Napoli, Genova, Paterno Calabro, Spezzano della Sila, Catona, Milazzo, Corigliano Calabro, Verbicaro).

Ricorrenza di San Francesco di Paola » 2 aprile

San Francesco di Paola è santo patrono della Calabria, della Sicilia, della Gente di Mare, di Altomonte, Bisignano, Campora San Giovanni, Paola, Paterno Calabro, Roggiano GravinaVillapiana


Pubblicità su calabriaportal.com


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153