eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Abito Storico di Santa Sofia d’Epiro

Stemma Comunale di Santa Sofia d'EpiroBorgo Arbëreshë

Costume Storico di Santa Sofia d'Epiro

L’Abito Storico Arbëreshe di Santa Sofia d’Epiro fa parte dei vestiti tradizionali della comunità italo–albanese della Pre Sila Greca, e si divide in tre varianti principali: quello giornaliero, quello della mezza festa e quello della sposa, detto anche vestito della festa; a questi tre si aggiungeva un quarto detto del lutto e in circostanze particolari un quinto detto del mezzo lutto, utilizzato da quelle spose i cui mariti risultavano dispersi, soprattutto durante i conflitti bellici. 

Vestito della Festa di Santa Sofia d’Epiro

Il Vestito della Festa di Santa Sofia d'Epiro veniva indossato dalle donne in occasione del loro matrimonio ed era tramandato di madre in figlia, e quando non era possibile permettersi la spesa, veniva chiesto in prestito per otto giorni; era denominato veshje nuseje o kostumi i parë.

Oltre al vestito un elemento fondamentale del giorno del matrimonio era anche l’acconciatura, i capelli venivano intrecciati con un gallone bianco e ammassati alla nuca fino a formare il “tupi”, protetto da una specie di sfera compatta e ricoperto da lino di colore bianco. Sopra la sfera veniva posta la keza ed infine su tutto veniva poggiato il velo trasparente intessuto con fili di oro e di seta.

Elementi del Vestito della Sposa di Santa Sofia d’Epiro

  • Linië –a: Lunga camicia di lino e cotone bianco con ampia scollatura;
  • Sutanin –i: Sottoveste in cotone ricamata a motivi floreali;
  • Petin – i: Copripetto ricamato finemente in lino bianco;
  • Cohë – a: Sottana verde o azzurra, pieghettata e laminata in oro, sul fondo è bordata di gallone dorato;
  • Sutanë – a razi: Sottana in raso setato a fitte pieghe, bordata di gallone dorato, si indossa sotto la “coha”;
  • Xhipun – i llastri: Corpetto di colore azzurro con ricami dorati a motivi floreali sulle maniche e larghe strisce di gallone d’oro sulle spalle;
  • Kezë – a: cuffia nuziale che si pone in testa e copre la crocchia dei capelli. E’ decorata con fili d’oro o argento;
  • Panderë –a: Elemento del costume nuziale, a forma rettangolare, ricamato fittamente con fili d’oro e di argento che si porta sul davanti e legata intorno al giro vita;
  • Tuvalë – a: Scialle trasparente in tulle bianco, tuvalë tulli; laminato in oro con ricami a fili d’oro, tuvalë treni o tuvala ari;
  • Kallucietë, -t: Calze di cotone bianco lavorato a mano;
  • Këpucë, -t: Scarpe di suola foderate dello stesso tessuto della “Coha”. 

Vestito della Mezza Festa di Santa Sofia d’Epiro

Il Vestito della Mezza Festa di Santa Sofia d’Epiro, “kostumi i dit”, veniva indossato dalle donne sposate la domenica per andare a messa, per recarsi in visite di cortesia, in occasione delle feste e durante il matrimonio di un parente; era anche denominato vestito di Gala.

Elementi del Vestito della Mezza Festa di Santa Sofia d’Epiro

  • Linië –a: Camicia di lino bianco con merletto in tulle ricamata in bianco a punto intagliato;
  • Cohë – a: Gonna in raso fuxia (in questo costume si indossa sola la “coha” di raso che viene portata con il costume nuziale).
  • Xhipun – i : Giacchettino di velluto nero, gallonato d’oro e ricamato in oro sulla sopramanica;
  • Pan – i: Scialla rettangolare confezionato con sfoffa di raso, guarnito di gallone dorato con motivi floreali in oro;
  • Skamandil – i; Fazzoletto di seta di colore bianco o di un altro colore chiaro; 
  • Kallucietë -t: Calze di cotone bianco;
  • Këpucë, -t: Scarpe di colore nero con tacchi medio alti. 

Vestito Giornaliero di Santa Sofia d’Epiro

Il Vestito Giornaliero di Santa Sofia d’Epiro, Kostumi për nga dita, era il vestito quotidiano delle donne sofiote, utilizzato fino a qualche anno fa dalle anziane.

Elementi del Vestito Giornaliero di Santa Sofia d’Epiro

  • Linië –a: Lunga camicia di cotone bianco, senza merletto;
  • Sutanin –i: Sottogonna di cotone a quadrettini o a motivi floreali, arricciata in vita e abbottonata sul davanti;
  • Sutanë –a: Gonna di cotone rosso. Si alza sul davanti, abbottonata dietro con un gancio o spilla, arricciata in vita e sorretta da bretelle;
  • Llanetë – a: Gilet bianco o a righe di cotone;
  • Petin –i: Copripetto di cotone bianco ricamato, oppure lavorato ai ferri con filo di cotone bianco;
  • Xhipun – i: Corpetto simile al giacchetto del costume festivo;
  • Vandile –ja: Grembiule di cotone color marrone o blu con fiorellini;
  • Pan – i: Scialla rettangolare confezionato con sfoffa di raso, guarnito di gallone dorato con motivi floreali in oro.

Vestito di Lutto di Santa Sofia d’Epiro

Il Vestito di Lutto di Santa Sofia d’Epiro, Veshja ndër të zeza, era il vestito portato in occasione della perdita di una persona cara; se si trattava di un parente veniva portato per un periodo preciso, se invece si trattava del marito si portava a vita.

In occasione del lutto di un coniuge, la moglie accompagnava il defunto fino al cimitero in abito di gala (mezza festa) con il copricapo (skamandili) ed il grembiule (vandesini) di colore nero, in segno di lutto, per poi indossare l’abito di lutto dal giorno seguente.

Elementi del Vestito di Lutto di Santa Sofia d’Epiro

  • Linië –a: Lunga camicia di cotone bianco, senza merletto;
  • Xhipun – i: Giacchetto di raso o di velluto foderato in cotone;
  • Llanetë – a: Gilet di cotone con piccole pieghe nella parte anteriore;
  • Sutanë –a: Gonna nera di cotone arricciata in vita;
  • Sutanin –i: Sottogonna nera di cotone, arricciata in vita e abbottonata sul davanti;
  • Vandile –ja: Grembiule di cotone nero;
  • Skamandil –i: Fazzoletto di lana nero;
  • Kallucietë -t: Calze di cotone nero;
  • Këpucë, -t: Scarpe di colore nero;
  • Mi çe –t: Capelli intrecciati, legati con fettucce nere e raccolti a forma di corona, oppure raccolti dietro la nuca “tupi”.

Vestito del Mezzo Lutto di Santa Sofia d’Epiro

Il Vestito di Mezzo Lutto di Santa Sofia d’Epiro, era un particolare vestito di lutto indossato dalle moglie degli uomini dispersi, soprattutto per i dispersi di guerra. Era il simbolo della perdita del coniuge anche se non accertata in modo definitivo, proprio perché disperso.


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153