eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Storia di Spezzano della Sila

Stemma di Spezzano della Sila

Parco Nazionale della Sila

Spezzano della Sila

Il territorio di Spezzano della Sila ha visto la presenza umana fin dagli albori della storia umana in Europa, come attestano i reperti rinvenuti nei pressi della riva del Lago Cecita, attribuiti all’uomo di Neanderthal.

Verso la fine del neolitico, tra il 3800 ed il 3300 a.C. l’area vide la presenza di un insediamento stabile di agricoltori e pescatori, nei pressi della conca lacustre del Cecita, così come avveniva contemporaneamente presso la conca dell’Arvo e dell’Ampollino.

Tra il V ed il III secolo a.C. l’area silana fu uno dei centri principali del Mediterraneo per la produzione della pece; il geografo Stefano Bizantino, vissuto nel VI secolo d.C., nella sua opera Ethnikà, riferendosi ad Antioco, ma soprattutto ad Aristofane, fa riferimento alla “pìssa Brettia”(fr.629) , la pece silana (Bruttia pix), la pece dei Brettii.

Il borgo di Spezzano della Sila, come gli altri centri della Presila Cosentina, quasi certamente sorse verso la fine del X secolo, a seguito dell’invasione saracena di Cosenza.

Nel 1644, insieme ad altri 82 casali, venne acquistato dal marchese Vincenzo Salvati, Granduca di Toscana, passando dall’amministrazione regia demaniale a quella feudale; in contrapposizione a questa nuova forma di governo, Giovanni Barracco inviato in Spagna dall’imperatore chiese ed ottenne per i casali l’annullamento della compravendita.

Nel 1647, il mancato rispetto di quanto ordinato dal re, portò alla ribellione dei casali cosentini, che guidati dagli abitanti di Rovito e Pedace, presero d’assalto la residenza del delegato a Celico mettendolo in fuga.

Nel riordino amministrativo del 1799, disposto dal generale Championnet, fu inserito nel cantone di Cosenza.

Per molti secoli fu denominato Spezzano Grande e basò la propria economia sulla produzione di frumento, legumi, vino, olio e gelsi, quest’ultimi impiegati nella coltura del baco da seta.


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153