eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Fringillidi della Calabria

In Calabria vivono molte specie di fringillidi, una famiglia di uccelli appartenente all'ordine dei passeriformi, tra le più belle del vecchio continente.
Non hanno una presenza costante sul territorio, essendo per lo più migratori parziali, ma nelle varie specie sono presenti quasi tutto l’anno.

Giovane Cardellino

Sicuramente il più noto è il coloratissimo Cardellino, che in regione è presente quasi esclusivamente con la sottospecie meridionale (carduelis tschusii), anche se durante il periodo di migrazione autunnale non è raro ammirare stormi di carduelis balcanica. E’ un uccello schivo, ma abbastanza facile da avvistare, soprattutto in colture di girasoli o nei campi incolti in cui abbondano i cardi (vegetale da cui deriva la denominazione, cardellino = mangiatore di cardi). In regione nidifica un po’ ovunque, con una predilezione per gli alberi di ulivi, conifere, e all’occorrenza anche viti, “edificando” un nido che nel mondo ornitologico è una vera opera d’arte.
La denominazione dialettale è quasi ovunque cardillu.

Un altro variopinto fringillide calabrese è il Verdone (Carduelis chloris), anche se in questo caso i colori sono meno contrastanti e vistosi del cardellino. Vive in tutta la regione dalla primavera all’autunno, nutrendosi di semi di asteracee, granaglie di vario genere e  larve di insetto.
La denominazione dialettale varia da una località all’altra, tra quelle più diffuse: Maiolinu, Maialino, Virduni.

Il Fringuello (Fringilla coelebs) è il fringillide che in Calabria annuncia l’inverno, quando dai monti arrivano stormi numerosi di fringuelli il freddo è alle porte. E’ uno dei fringillidi più comuni e conosciuti, oltre ad essere uno dei più antichi, difatti insieme alla Peppola, sono i parenti più prossimi del fringillide atavico da cui tutti gli altri discendono. E’ presente un po’ tutto l’anno, ma è il tardo autunno o l’inverno il periodo in cui è maggiormente presente. Si nutre di granaglie di vario genere e larve d’insetto, soprattutto durante il periodo della nidificazione, quando diviene quasi totalmente insettivoro.
La denominazione dialettale è quasi sempre: Spinzu

Il Frosone (Coccothraustes coccothraustes) è uno dei fringillidi calabresi di maggiori dimensioni, arriva in regione in pieno inverno, e scende a quote collinari solo in prossimità di forti nevicate in montagna; quando lo si avvista l’inverno è già padrone assoluto del clima. Si nutre di granaglie anche di grosse dimensioni, che rompe con il suo possente becco, che può “serrare” con una forza pari a 70 kg di peso, il campione dei fringillidi in fatto di forza "rostrifera".
La denominazione dialettale è: Spinzu Marinu

La Peppola (Fringilla Montfringilla) è il fringillide atavico per eccellenza, in regione vive sull’altopiano silano, sui monti dell’Aspromonte e delle Serre Vibonesi. Ha abitudini simili al fringuello.

Il Fanello (Carduelis cannabina) ha comportamenti simili al cardellino, ma colori meno appariscenti. Il maschio al secondo anno presenta un bellissimo petto cremisi. Si nutre di granaglie, semi allo stato lattiginoso di asteracee e larve di insetto.
La denominazione dialettale è: Minuocciulu

Il Lucherino (Carduelis spinus) è uno dei fringillidi più vispi e gioiosi, sempre saltellante e pronto a fare mirabolanti acrobazie di volo. In Calabria è quasi sempre presente durante il periodo autunnale, quando gli ontani e le betulle maturano i loro frutti, di cui sono particolarmente ghiotti.
La sua denominazione dialettale è: Locarinu

Il Verzellino (Serinus serinus) detto anche Raperino, è il più piccolo dei fringillidi calabresi, l’unico rappresentante del genere dei Serinus in regione. E’ presente un po’ ovunque e la sua presenza è costante dalla primavera all’autunno, periodo in cui nidifica, svezza i piccolo e muta. Nella nidificazione predilige principalmente le conifere, ma non è raro avvistare nidi di verzellino su altre specie arboree.
Si nutre di granaglie, semi allo stato lattiginoso e larve d’insetto.
Il nome dialettale è: Cacatieddu, Virzillinu.

Giovane Ciuffolotto

Il Ciuffolotto  (Pyrrhula pyrrhula) è uno dei fringillidi meno conosciuti tra quelli presenti in Calabria, è un animale molto schivo che vive solo in alta montagna. La sua presenza è annoverata sia sui monti del Pollino che su quelli dell’Orsomarso, dove vive in modo quasi permanente nella “varietà” Ciuffolotto Appennino, una popolazione endemica e tipica del sud Italia.

Insieme al Ciuffolotto, il Crociere (Loxia curvirostra) è sicuramente il fringillide meno noto in regione, di cui molti ignorano del tutto la presenza. Vive con una popolazione di dimensioni minori rispetto a quella della specie nominale, sui monti della Catena Costiera, in Sila e sull’Aspromonte.


Pubblicità su calabriaportal.com


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153