eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Storia di Altomonte

Stemma di Altomonte

Borghi più Belli d'ItaliaCittà del Pane

Altomonte

Plinio il Vecchio nel suo Historia Naturalis cita l’antico abitato di Altomonte, Balbia, per la produzione dell’ottimo vino, il Balbino; il balbino fu citato anche da Ippia Reggino.

L’abitato di Balbia pare fosse a valle rispetto all'attuale posizione di Altomonte, come dimostrano gli scavi archeologici rinvenuti in contrada Larderia, risalenti al I secolo d.C.

Durante le invasioni saracene la popolazione abbandonò il vecchio centro e, come avvenne in altre aree della regione, si spostò più a monte.

Nei secoli la denominazione iniziale di Balbia mutò prima in Brahalla e successivamente in Brakhalla, per assumere quella definitiva di Altomonte nel XIV secolo, in piena epoca angioina.

Sotto gli angioini Altomonte divenne un centro d’arte e cultura di primaria importanza, tutt’ora dimostrato dal suo straordinario patrimonio architettonico, conoscendo il suo periodo storico migliore, diventando feudo prima dei Sangineto e poi dei Sanseverino Principi di Bisignano, tra le più influenti e ricche famiglie nobiliari calabresi dell'epoca. 

Personaggio di grande importanza nella storia di Altomonte fu Filippo Sangineto, primo Conte di Altomonte, Siniscalco di Provenza e di Forcalquier, Giustiziere di Terra di Lavoro e del Contado del Molise, la cui presenza ad Altomonte è documentata dal 1317 al 1349.

Cavaliere e politico di buon livello al servizio del re Roberto D'Angiò, fu artefice della radicale trasformazione di Altomonte, da piccolo centro agricolo a sede privilegiata di Statuti e Capitoli speciali, che furono alla base negli anni successivi di una splendida stagione.

Fu lui che fece costruire a partire dal 1343-45 la chiesa di Santa Maria della Consolazione, uno dei migliori esempii di arte gotico-angioina della Calabria, e che la arricchì di importanti e pregevoli opere il centro, realizzate soprattutto da importanti maestri del '300 toscano.


Guida alla Aziende del Territorio


Nessuna azienda segnalata in questo Comune


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153