eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo Picaríell

Il  Folletto

Il FollettoC’era una volta, nel piccolo paese di Guardia, una famiglia di agiate condizioni economiche che viveva in una bellissima casa molto grande e lussuosa, ma con una piccola sfortuna: viveva sotto lo stesso tetto un piccolo folletto che gli faceva ogni genere di dispetto.
La curiosa creatura era più o meno delle dimensioni di un mignolo della mano; portava sempre un simpatico capellino rosso e indossava una giubba rossa; entrava in casa non dalla porta ma  dal buco della serratura.
Una volta entrato in casa, prendeva tutto quello che trovava: fagioli, grano, farina … ogni sorta di bontà e portava il suo bottino alle famiglie più povere del paese.
Un giorno, la famiglia ormai stanca  e stremata di tutte le birichinate fatte dal folletto, decise di andare a vivere in un'altra casa.
Durante il trasloco, il padrone, che recava  un sacco enorme e pesante sulle spalle, incontrò un compare il quale meravigliato dal comportamento dell' uomo chiese con aria stupita:
- Dove andate compare?
Ma prima che il povero uomo potesse rispondere, parlò il piccolo e vivace folletto:
- Andiamo a casa nuova.
Il padrone sentendo la voce stridula della creatura,  deluso e ormai rassegnato al proprio destino, buttò il sacco per terra e scontento  ritornò indietro nella sua vecchia casa. Dopo quel giorno capì che ovunque fosse andato, in qualunque casa si fosse trasferito, non si sarebbe mai più liberato del suo strano e invadente amico nonché inquilino. Così addolorato e amareggiato si rassegnò alla compagnia di quella creatura e rimase a vivere nella sua vecchia  e cara casa.

Lo Picaríell (Traduzione in lingua occitana)

Bandiera OccitanaUn iatge la lh’avia al païsòt de la Gàrdia, una familha qu’ilh stava un pòc melhor de las autras, mas ilh vai aver la sfortuna de ièsser enchementaa dal Picaríell.
Aiquest al èra mai ò mens coma lo det pechit de la man; al avia un bartin ros e una caillosa rossa e al intria dal portús de la quiau.
Un iatge intrat dedins al ramassia tot çò que al trovava: faisòls, gran, farina, òli e al lo portia a las familhas mai pòuras dal país.
Un jorn, lo Picaríell al ne vai far tants, que ista familha ilh ne vai pas poer chus e ilh vai chambia ca’.
Mas quora ilh stavan charriant las ròbas, lo patron  ab una bisaça encòll, al vai enfronta un compaire, qu’al lhi vai demanda:
- Aont anatz?
Prima qu’al vai voler respondre èll, al vai respond lo Picaríell e al vai dire:
- N’anèm a la casa nòva.
Lo patron iauvent aishit al vai shoria la bisaça e al se vai vòuta arrèir. Perqué al vai capir que aont al ania ania al se lo  sarèra pas cachat de encòll. Aishit tot cruciat e mortificat al se vai resinhar a la companhia dal Picaríell e al vai rèsta a viure dins la casa vèlha.


Guida alle Aziende di Guardia Piemontese


Hotel ZilemaHotel Zilema

Hotel tre stelle sul mare a Guardia Piemontese Marina

Per la tua Vacanza in Calabria ... Phone 0982.94702



Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153



Pubblicità su calabriaportal.com


Per inserire anche la tua azienda chiama subito Phone 366.1385153