eosonline.iteosonline.it

realizzazione e gestione siti internet

per informazioni chiama subito Phone 366.1385153 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mausoleo di Michele Bianchi

Mausoleo di Michele Bianchi

Il Mausoleo di Michele Bianchi è uno dei monumenti più imponenti del Tirreno cosentino, tra quelli realizzati nel ‘900.

Si trova sul colle Bastia, ai piedi del borgo di Belmonte Calabro, dove un tempo era presente un bastione del ‘500 costruito a difesa dalle incursioni turche.

Il Mausoleo fu eretto come tomba del quadrumviro fascista Michele Bianchi tra il 1930 e il 1932.

La struttura ha origine con una lunga gradinata circondata da alberi di cipresso e varie specie di conifera, che partendo dal piazzale dei parcheggi conduce fino alla tomba del politico calabrese.
La tomba costituisce la base del monumento, su cui si erge una colonna alta trentacinque metri sormontata da una grande croce metallica, alla quale è possibile accedere mediante una scala interna a chiocciola.

La struttura in travertino, che trae ispirazione dalla Colonna Traiana, è opera dall’architetto e sculture Ercole Drei.

All’interno della tomba è custodito il sarcofago di Michele Bianchi realizzato in marmo verde di Calabria.

Sui quattro lati del basamento della colonna sono presenti quattro bassorilievi:
il primo ritrae la Marcia su Roma con la capitale sullo sfondo, il secondo Michele Bianchi che fa scuola serale a contadini e operai, il terzo lo stesso Bianchi nelle vesti di Ministro dei Lavori Pubblici e il quarto il corteo funebre e sullo sfondo Belmonte Calabro.

La salma fu traslata nel mausoleo il 28 ottobre 1932 alla presenza di Emilio De Bono, Italo Balbo e Cesare Maria De Vecchi.

Il 30 marzo 1939 fu visitata da Benito Mussolini, Achille Starace e Giuseppe Bottai.

contentmap_plugin